Pubblicati gli atti del convegno “l’italia secondo i conti pubblici territoriali. I flussi finanziari pubblici nel settore cultura e servizi ricreativi

La cultura è tradizionalmente un asse strategico nelle dichiarazioni di amministratori e politici di ogni livello e, al tempo stesso, il primo bersaglio per il taglio di risorse in tutte le fasi di restrizione della finanza pubblica. L’importante analisi, effettuata grazie ai dati del Sistema dei Conti Pubblici Territoriali (CPT) e pubblicata nelle Monografie regionali CPT 2013, ha permesso di dimostrare in che modo, numeri alla mano, la spesa del nostro Paese per il settore considerato si sia quasi dimezzata nel corso del decennio di riferimento, dal 2000 al 2011, generando il più grande disinvestimento settoriale avvenuto a livello nazionale nel corso degli anni 2000. 
Sono queste le principali conclusioni a cui porta l’approfondimento dedicato alla cultura e ai servizi ricreativi, presentato in occasione del convegno tenutosi a Roma il 29 maggio scorso di cui, da oggi, sono disponibili, sia nella versione italiana che nella versione inglese, gli Atti pubblicati all’interno della collana “Materiali Uval”.

L’Italia secondo i Conti Pubblici Territoriali. I flussi finanziari pubblici nel settore cultura e servizi ricreativi.Atti del Convegno di presentazione (pdf, 3,89 Mb)

Numero 32 (Documenti), anno 2014

Italy according to the regional public accounts. Public financial flows in the culture and recreational services sector.Presentation conference proceedings(pdf, 4,9 Mb)

Issue 32 (Documenti), 2014

Come di consueto, il dibattito si è successivamente spostato sul territorio dove i Nuclei Regionali CPT hanno dato seguito all’organizzazione di un ciclo di convegni regionali per la diffusione dei contenuti delle citate Monografie. Cfr. I convegni dedicati alle monografie regionali CPT.

L’Unità Tecnica Centrale CPT